Luciana Castellina:conversazione sulla politica.

Niente-Paura-Luciana-Castellina-Foto-dal-film-09_mid

Che cosa resta, intitolava Christa Wolf il suo libro che fa i conti con la violenza burocratica di una politica sclerotizzata sui meccanismi dell’amministrazione del potere e con una vita per i singoli consegnata sempre più all’isolamento. Con un’insistenza che proviene da più parti (basti citare l’ultimo rapporto Censis e i diversi dibattiti che ne sono seguiti) ci sentiamo ripetere che della dimensione politica, intesa come fare e passione comune, ben poco è rimasto.

Noi vogliamo rilanciare.

Incontriamo la scrittrice, giornalista e politica Luciana Castellina
Mercoledì 19 gennaio 2011 ore 16,30 al Centro Donna Liliana Paoletti Buti, largo Strozzi 3 - Livorno

Luciana Castellina è una delle protagoniste della politica e della cultura del nostro tempo.
Dal 1947 al 1969 ha fatto parte del Partito Comunista Italiano. Nel 1969 è stata tra i fondatori del gruppo de Il Manifesto. Dal ’58 al ’61 è stata editrice della rivista settimanale della Federazione Giovanile Comunista Nuova Generazione e poi del quotidiano Il Manifesto. È stata eletta deputato nelle file del Partito Comunista Italiano nel 1976, nel 1979 e nel 1983. Nel 1984 e nel 1989 è stata eletta nel Parlamento Europeo, dove è stata anche presidente della Commissione cultura e media. Nel 1992, dopo la separazione dal PCI, è stata eletta al Parlamento con Rifondazione Comunista. Dal 1998 al 2003 è stata presidente dell’Agenzia per la promozione del cinema italiano all’estero Italia-Cinema. Tra le ultime pubblicazioni: Cinquant'anni d'Europa. Una lettura antieroica, Utet, Torino 2007; Eurollywood. Il difficile ingresso della cultura nella costruzione dell'Europa, Ets Pisa 2008.

Nessun commento ancora

Lascia un commento