Tutt’altro che condiscendente

     

Tutt’altro che condiscendente, così Liliana Paoletti Buti definì il significato di Oltre la posa, titolo della mostra curata dalla Libreria delle Donne di Firenze, che nel 1984 segnò l’apertura ufficiale del Centro Donna di Livorno.

 

 

Questo anno, in occasione della Giornata di Liliana, il 13 marzo, ne riproponiamo il catalogo (Alinari, 1984). Sarà una occasione per ragionare dei nostri percorsi dal 1984 ad oggi e soprattutto per chiederci cosa significa oggi mettersi o essere messe in posa e che cosa c’è «oltre la posa». Ancora una volta «le donne Alinari sono un pretesto per la nostra riflessione….» (da Introduzione al Catalogo, a cura della Libreria delle Donne di Firenze)

 Martedì 13 marzo 2012, ore 16,30,  Centro Donna Liliana Paoletti Buti, Largo Strozzi  3  Livorno

 Partecipano:

Liana Borghi, una delle curatrici della mostra e del catalogo;

Gabriele Cantù, assessore alle politiche delle pari opportunità del Comune di Livorno

 Liana Borghi si occupa di scrittrici di lingua inglese, intercultura di genere e teorie queer. È stata referente dell’Università di Firenze per ATHENA, rete tematica europea di women’s studies ed ha organizzato varie edizioni di Raccontar/si, un laboratorio estivo della Società Italiana delle Letterate, di cui è una delle fondatrici. Dirige, insieme a Marco Pustianaz, per l’editore ETS di Pisa, àltera. Collana di intercultura di genere .   

 L'incontro è organizzato da: Comune di Livorno; Centro Donna Liliana Paoletti Buti;  Associazione centrodonna Evelina De Magistris; Associazione Ippogrifo.

Nessun commento ancora

Lascia un commento