Le donne e la città: breve storia di un percorso

Ci piace raccontare in breve la storia di un percorso, in occasione dell’incontro con Teresa Lapis, il 4 aprile, in cui di nuovo poniamo la questione di “ ..una progettazione della città realmente partecipata, in modo che anche nel campo della gestione del territorio la sapienza delle donne entri in gioco nella definizione delle priorità….”  (dalla Prefazione al volume Libertà e agio nel vivere la città, 2008)

Era il 2004 quando tre “eveline”,  Annamaria De Leonibus, Marusca Falanga, Roberta Gini, diedero vita al progetto “Vivere la città: una lettura al femminile”.

Cominciò così un lavoro di ricerca, di scoperte, di incontri, di iniziative, di confronti, di relazioni, che vide il coinvolgimento di tante persone, donne e uomini, di istituzioni, di gruppi e associazioni.

Tre pubblicazioni testimoniano la ricchezza di quel percorso

 

 Frutto di un lavoro di ricerca di circa due anni, condotto e coordinato da Annamaria De Leonibus, Marusca Falanga, Roberta Gini, propone "... un percorso di conoscenza delle e sulle donne che hanno segnato profondamente l'architettura e in generale il concetto di abitare."

Ci parla, così, delle "madri" dell'architettura moderna, delle contemporanee, delle più giovani, delle donne impegnate nel campo dell'architettura e dell'urbanistica con cui le "eveline" in questi anni sono entrate in rete

 

 

 

 

 

 

 

 Raccoglie le relazioni e gli interventi svolti sul tema in una serie di incontri tra il 2006 ed il 2007.

  Contributi diversi, per competenze,  esperienze,  collocazione geografica,  comune l'obiettivo di proporre una "...città  espressione di un progetto corale, un progetto dove i cittadini e le cittadine sentono che la responsabilità del cambiamento, necessario per rendere la città sana, accogliente, ospitale, in armonia con i tempi e le scelte di vita delle persone, bella oltre che funzionale, li chiama in causa in prima persona. "

 

 

 

 

Le voci della città  raccoglie immagini e riflessioni di tre incontri di sociodramma in tre piazze cittadine, nel maggio 2006,progettati e condotti da Chiara De Marino,  in cui  abbiamo provato "..a dare voce alla città, a offrire occasioni perchè dimensione pubblica e dimensione privata si incontrino, perché si esprimano bisogni e desideri, ma anche consapevolezza e responsabilità di ciascuna e ciascuno e del gruppo alla vita collettiva."

 

Il disegno di copertina è di Lori (Eleonora Chiti Lucchesi)

Nessun commento ancora

Lascia un commento