La cura: una competenza femminile sul mondo

“..cosa deve cambiare intorno a me perché io, donna, possa stare meglio al mondo…?”  (Liliana Paoletti Buti  Articolo per l’8 marzo 1986 su Il Tirreno)

12 marzo 2014:  quinta Giornata in ricordo di Liliana Paoletti Buti

abbiamo scelto un tema a lei assai caro:

il sapere e la competenza femminili

 al Centro Donna, che porta il suo nome, (Largo Strozzi 3 Livorno) alle 16,30 

 

con

Annalisa Marinelli

 “architetta, progettista, ricercatrice e mamma” (come lei stessa si definisce)

 parleremo di

Sapere femminile e cura della città: ripensare la città a partire dalla pratica quotidiana dello spazio urbano

 

disegno tratto da La città vista con gli occhi di una donna In LUNANUVOLA'S BLOG , il blog di Maria G. Di Rienzo)

 

               Annalisa Marinelli è di formazione architetta. Svolge e pubblica studi in urbanistica di genere. Promuove la cura come una competenza femminile sul mondo e un punto di vista privilegiato sulla città. Nelle diverse città in cui ha vissuto  ha messo alla prova la sua tesi e proposto politiche, prassi e soluzioni che apportino accessibilità e pari opportunità nella progettazione e organizzazione degli spazi urbani e sociali.. Attualmente è Consigliera Municipale presso il Municipio Medio Levante di Genova. Tra le pubblicazioni: Etica della cura e progetto (Liguori 2002), “La città della cura”, in A cura di (a cura di M.T. Battaglino e C. Cappelli, Cartman 2008), “La grammatica del quotidiano” in Architetture del desiderio, (a cura di di B. Bottero, A. Di Salvo, I. Farè, Liguori 2011), Condividere la cura: innovazioni di coppia e inerzia sociale”, in Silenzi. Non detti, reticenze e assenze di (tra) donne e uomini, (a cura di S. Ciccone e B. Mapelli, Ediesse 2012).

Le precedenti giornate per Liliana:

2010  Contente di essere donne

2011  La politica del desiderio

2012  Tutt'altro che condiscendente 

2013 Il senso del lavoro a partire dall'esistenza

 L'incontro è promosso da: Comune di Livorno; Centro Donna Liliana Paoletti Buti; associazione centrodonna Evelina De Magistris; associazione Ippogrifo, con il sostegno della Società Italiana delle Letterate

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento