LA MEMORIA AL FUTURO

"Il problema della memoria non è mai cosa si sa, ma come si collocano le cose che si sanno nella nostra in mente in relazione a ciò che consideriamo prioritario o impellente non tanto dire, ma, soprattutto, fare. 

Il primo passo da fare quando si parla di riflessione civile della storia è sapere come si classificano i fatti, con quali parole si indicano gli eventi e come si risponde, ovvero a quali risorse culturali e anche operative si ricorre per trovare soluzioni alle emergenze cui dover far fronte.

Tutti temi e snodi che il nostro tempo propone. La risposta continua ad essere latitante, incerta, al più celebrativa.  La memoria al futuro chiede risposte diverse, capaci di assumersi la responsabilità al presente e del presente." (dall'articolo di David Bidussa )

Nessun commento ancora

Lascia un commento